Caricamento in corso... Si prega di attendere.
Paghe e contributiPaghe e contributi Amministrazione del personaleAmministrazione del personale Consulenza del lavoroConsulenza del lavoro
Tornaconto sas Consulenti del lavoro
Tornaconto sas Consulenti del lavoro

Hai un dubbio? Risponde il nostro consulente del lavoro

Il 24/04/2018, A. di Roma chiede:

Salve, ieri sono passato al CAF di Roma, a riguardo i lavori con contratto a "prestazione occasionale" ed il superamento dei 5.000€ annui. Ho chiesto diversi pareri, ma ogni volta sento una risposta diversa e i miei dubbi crescono sempre di più. Io collaboro con molte agenzie, coprendo vari ruoli (steward, promoter, allestitore ecc.) con lavori che trovo su internet e di cui ottengo contratti a prestazione occasionale, ma in questo 2018,molto probabilmente supererò i 5.000€ annui e vorrei tutelarmi, senza incorrere in possibili sanzioni. Mi hanno parlato della partita IVA, e mi hanno anche accennato dei suoi costi elevati, specie se non hai un lavoro che ti ASSICURA una rientrata fissa... Oppure della GESTIONE SEPARATA, di cui sembrerebbe più alla portata per me. Chiudendo, vorrei sapere gentilmente, qual'è la differenza sostanziale tra la partita IVA e la Gestione Separata, e su quale delle due dovrei fare affidamento. Aggiungo, che in famiglia abbiamo reddito zero, perché lavoriamo occasionalmente solo io e mio fratello. Cordialmente,

Buongiorno,

Se abbiamo ben inteso stiamo parlando di prestazioni ex art 2222 c.c.

Vede, non è che Lei può scegliere se aprire la partita iva oppure versare alla gestione separata.

Primo perchè è la legge che le dice le condizioni per le quali è necessaria una partita iva e secondo perchè alla gestione separata ci verserebbe comunque (con o senza partita iva).

La partita iva è obbligatoria se la professione è svolta in maniera professionale e autonoma ; un'attività è definibile professionale quando è svolta in maniera "abituale" (e quindi, va da sè, non in maniera occasionale).

Precisiamo che gli importi non incidono sull'abitialità o meno; potrei trattare un affare da 100.000 euro come occasionale se quella attività per me non è abituale e, va da sè, dovrei versare alla gestione separata sulla differenza rispetto ai 5000 euro (come occasionale).

Con la partita iva verserebbe comunque alla gestione separata (a meno che la professione esercitata non abbia una propria cassa previdenziale).

Se l'attività da lei esercitata non è abituale (e quindi è occasionale) semplicemente farà tutto come prima con la differenza che sulle somme sopra i 5000 euro verserà i contributi alla gestione separata (1/3 a carico suo e 2/3 a carico del committente)

Richiedi una consulenza
Se hai un'azienda e sei alla ricerca di un team di consulenti del lavoro esperti e competenti, richiedi ora una consulenza.
News e Guide Pratiche
Resta aggiornato su tutte le novità dal mondo del lavoro: news, approfondimenti e guide pratiche sempre aggiornate.
Seguici su facebook
Tornaconto è su Facebook. Segui la Fan Page per essere sempre aggiornato su ciò che accade all'interno del nostro Studio.
Dove siamo
Lo Studio di consulenza Tornaconto si trova a Cervia (RA), in via Caduti per la libertà, 89/A, a pochi minuti dal centro.

News